Busto Arsizio 20-05-2015

LA REPLICA

Vavassori: "Noi non c'entriamo"

Il presidente dei tigrotti, dal Giappone prende le distanze dalla bufera del calcioscommesse: "Nessun socio occulto". I tifosi: "Sorpresi? No, bastava essere lì". Il procuratore antimafia: "Neapolis e Pro Patria epicentri della frode"

La voce di Pietro Vavassori, patron della Pro Patria, arriva dal Giappone. È per lavoro, ma lo hanno ovviamente già informato del ciclone che si è abbattuto sulla sua società per colpa del calcioscommesse.

Il presidente: "Non c'entriamo"

«Ma noi non c'entriamo niente», spiega con voce ferma il proprietario del club tigrotto. Il titolare di Italsempione, in realtà, non vorrebbe lasciarsi andare ad uscite affrettare e esordisce con un «non ho nulla da dire».
Poi però qualcosa la dice ugualmente. A partire dalla contestazione di quelle note presenti nell'ordinanza che identificano in Mauro Ulizio e Massimiliano Carluccio dei (suoi) «soci occulti» nella gestione della Pro.
Su questo Vavassori è perentorio:
«Non c'è nessun socio occulto, non sono stati mai soci, non hanno mai avuto alcun incarico ufficiale. E, se hanno fatto dei pasticci, li hanno fatti in proprio».
Sulla vicenda poi si cuce la bocca, trincerandosi appunto dietro gli impegni lavorativi che lo tengono lontano dall'Italia («Sono via da dieci giorni, sto lavorando e non so nulla della vicenda in questione»), quindi rinviando commenti approfonditi al suo ritorno a casa Non conosco i fatti, quando sarò mi documenterò e vedremo») e ripiazzando nel discorso la frase di prima: «Noi non c'entriamo nulla».
Gli resta però il tempo per lanciare un messaggio alla squadra che si sta preparando ai playout: «I ragazzi hanno una buona opporttunità per dimostrare la squadra che siamo, in risposta anche a quello che ha detto il presidente del Lumezzane, il quale dovrebbe stare attento alle dichiarazioni che ha fatto e che farà».
Per capirsi Renzo Cavagna, proprietario del team bresciano, che ha definito una «vergogna» l'andamento della stagione biancoblù. Parole che a Vavassori non sono piaciute. E allora conclude, ribadendo: «I giocatori hanno una buona occasione per mostrare di che pasta sono fatti».

I tifosi: bastava essere lì

Nel nubifragio che s'abbatte sulla squadra, il presidente del club Il Tigrotto, Sergio Marra, è campione di sintesi: «Con questi arresti si è solo tolto il coperchio da una pentola che emanava da mesi una grande puzza».
Insomma, tutti turbati ma nessuno particolarmente sorpreso fra i tifosi più affezionati dello Speroni. E Marra riprende:
«Bastava essere a guardarle certe partite, con certi errori, per rendersi conto che non fosse una cosa normale. Anzi, mi meraviglio che altre gare non siano finite dentro il faldone e non vorrei che questo sia solo l'inizio».
Fatto sta che, perlomeno, l'azione della magistratura certifica l'idea che molti si erano fatti di una presa in giro: «Che Mauro Ulizio tenesse i fili della squadra lo sapevano anche i sassi. Che le scelte tecniche di qualche allenatore non fossero così linde si capiva anche senza essere esperti. Ora, se qualcuno non ci credeva, ci sono anche queste prove d'accusa».
Molto amareggiato è Roberto Centenaro, massimo dirigente di quel Pro Patria Club che è la realtà di supporter numericamente più rilevante:
«Purtroppo facciamo una fatica pazzesca a tenere la gente attaccata alla squadra e queste storiacce non fanno altro che invitare i meno accaniti a scappare, senza che si possa dar loro torto. C'è già chi mi ha manifestato la sua voglia di stracciare il biglietto appena acquistato per i playout».
Poi punge: «Dato che a Busto troppe volte c'è la tendenza a dare la colpa ai tifosi, speriamo che almeno in questo caso qualcuno non dica che le partite le abbiamo combinate noi. E comunque, in questo momento nel quale tutti danno giustamente addosso ai giocatori che si sarebbero macchiati di trucchi per far soldi, io vorrei anche riflettere sul fatto che loro sono solo gli ultimi anelli della catena, in cui la perdita di valori parte da una gestione delle società che non può essere considerata esemplare. Non parlo di casi specifici, faccio un ragionamento generale supportato da decine di casi in cui il marciume e gli impegni non rispettati spuntano chiaramente. Sembra un mondo che va alla rovescia».
E la sentenza finale di Centenaro è desolante: «Se lo sport non è un modello, allora è inutile sorprendersi se ogni ambito della vita è costellato da scorrettezze e menefreghismo».
Pensiero condiviso da molti. Mentre fra i tifosi c'è anche chi, come Luigi Bocciarelli del Club Forza Tigri, resta senza parole: «In questo momento non voglio dire nulla. Il colpo è troppo forte».

Il magistrato: Neapolis e Pro Patria l'epicentro

"Partendo da Pietro Iannazzo, elemento di vertice dell’omonima cosca di Lamezia Terme, abbiamo intercettato dirigenti del Neapolis e da qui abbiamo esteso l'attenzione a tutta la Lega Pro".
Lo ha detto il procuratore della Dda di Catanzaro, Vincenzo Antonio Lombardo, che ha condotto l’inchiesta che ha portato all’operazione Dirty Soccer.
"Abbiamo scoperto così - ha aggiunto Lombardo - che si erano costituite due associazioni che avevano come obiettivo la frode sportiva, una faceva capo al Neapolis e l’altra alla Pro Patria, società attorno alle quali ruotava tutto il sistema".

ma.li.

© Riproduzione Riservata

Privacy Policy


La Presente Privacy Policy ha lo scopo di descrivere le modalità di gestione del sito web www.prealpina.it (in seguito anche il “Sito”), in riferimento al trattamento dei dati personali dell’Utente che lo consulta (in seguito anche l’“Utente”).

Si tratta, in particolare, di un’informativa che è resa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. n. 196/03 recante il “Codice in materia di protezione dei dati personali” (in seguito anche “Codice Privacy”) a coloro che si collegano al Sito.

Il Sito è di proprietà della Società Sev S.p.A. con sede legale in (21100) Varese, Viale Tamagno, 13, CF e P. IVA 00237060124 (in seguito anche la “Società”), che garantisce il rispetto della normativa contenuta nel Codice Privacy.

La presente informativa è resa solo con riferimento al Sito e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’Utente tramite link.

L’Utente dovrà leggere attentamente la presente Privacy Policy prima di inoltrare qualsiasi tipo di informazione personale, di compilare qualunque modulo elettronico presente sul Sito stesso o di sottoscrivere una delle tipologie di abbonamento al quotidiano La Prealpina offerte sul Sito (in seguito anche “Abbonamento”).


1. Titolare del trattamento.

Il Titolare del trattamento è la Società Sev S.p.A. con sede legale in (21100) Varese, Viale Tamagno, 13, CF e P. IVA 00237060124 ed il responsabile è il sig. Marcello Antonio.


2. Tipologia di dati trattati e finalità di trattamento.

1) Dati di navigazione.

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del Sito acquisiscono, nel normale esercizio, alcuni dati personali che vengono poi trasmessi implicitamente nell’uso dei protocolli di comunicazione Internet.

Si tratta di informazioni che, per loro natura, potrebbero, mediante associazioni ed elaborazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli Utenti (ad esempio, tramite l’indirizzo IP, i nomi di dominio dei computer utilizzati dagli Utenti che si collegano al Sito, …) (in seguito anche i “Dati”).

I Dati vengono utilizzati solo per informazioni di tipo statistico (e sono, quindi, anonimi) e per controllare il corretto funzionamento del Sito e vengono cancellati subito dopo l’elaborazione.

I Dati potrebbero essere utilizzati per l’accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del Sito o della Società: salva questa eventualità, allo stato, i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Nessun dato personale dell’Utente viene, in proposito, acquisito dal Sito, né viene fatto uso di cookie per la trasmissione di informazioni di carattere personale o di cookie persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi di tracciamento dell’Utente.

L’uso dei c.d. cookie di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell’Utente e svaniscono con la chiusura del bowser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del Sito

I menzionati cookie di sessione evitano, in ogni caso, il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione dell’Utente e non consentono l’acquisizione di dati personali identificativi dell’Utente.

Per ulteriori approfondimenti circa le tipologie e modalità di utilizzo dei cookie da parte del Sito, è possibile consultare la Cookie Policy qui.

2) Dati forniti volontariamente dall’Utente.

Si tratta dei dati personali forniti direttamente dall’Utente all’atto della registrazione necessaria al fine di accedere al Sito e/o in particolari sezioni dello stesso od alla sottoscrizione di una tipologia di abbonamento proposta sul Sito, vale a dire tutte quelle informazioni personali che consentono l’identificazione dell’Utente (quali, ad esempio, nome e cognome, indirizzo, indirizzo di posta elettronica, numeri telefono, altri numeri e/o codici di identificazione personale) o che sono state inviate alla Società per partecipare alle attività del Sito (ad esempio, immagini o video).

L’invio facoltativo, esplicito o volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati sul Sito o la compilazione di moduli per la raccolta dei dati personali o l’invio di materiale audio/video comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inviati/inseriti.


3. Modalità del trattamento.

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati o manualmente per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati. Sul punto, si evidenzia, tuttavia, che, presa coscienza dei rischi legati alla divulgazione di dati personali, nessun sistema è totalmente sicuro od a prova di manomissione da parte di hacker.

A tal fine, la Società evidenzia che sono state poste in essere, ai sensi degli artt. 33 e ss. del Codice Privacy, tutte le misure ragionevolmente necessarie per impedire e minimizzare i rischi dovuti ad accessi non autorizzati, trattamenti, alterazioni o distruzioni non autorizzate o contrarie alla legge.


4. Finalità del trattamento.


I dati personali sono trattati con le finalità di seguito indicate:

a) finalità connesse alla fornitura dei servizi e/o prodotti offerti dal Sito: a mero titolo esemplificativo, fornire i servizi e/o prodotti richiesti dall’Utente; consentire la partecipazione alle attività promosse dal Sito; gestire la comunità degli Utenti; gestire la registrazione al Sito; rispondere a specifiche richieste dell’Utente; adempiere ad obblighi di legge o contrattuali (od esercitare facoltà derivanti dal contratto). Il conferimento dei dati per tale finalità è necessario per usufruire dei servizi richiesti o di accedere al Sito.

b) Invio di comunicazioni commerciali (marketing) e vendita diretta: previo ottenimento del consenso espresso da parte dell’Utente, i dati personali potranno essere utilizzati a fini di invio di comunicazioni commerciali (marketing) e/o vendita diretta, tramite e-mail, fax, telefono ed ogni altra tecnologia di comunicazione a distanza, presente od in futuro sviluppata, per la promozione di beni e servizi propri o di soggetti terzi. Il conferimento dei dati per tale finalità è facoltativo ed un eventuale rifiuto al conferimento non comporterà l’impossibilità di usufruire dei servizi offerti dalla Società.

Tuttavia, anche in caso di consenso, l’Utente avrà comunque il diritto di opporsi, in tutto od in parte, al trattamento dei propri dati personali per finalità di marketing e/o vendita diretta, facendone semplice richiesta alla Società, senza alcuna formalità.


5. Ambito di comunicazione e diffusione.

Potranno venire a conoscenza dei dati personali dell'Utente, i soggetti nominati di volta in volta dalla Società quali responsabili od incaricati del trattamento, in particolare la società SOFTPLACE Srl, con sede legale in Via Massaua n. 6 – 13900 BIELLA (BI) – CF e P.IVA 02255690022 essendo, quest’ultima, incaricata dalla Società della gestione e della manutenzione del Sito.

I dati personali potranno essere comunicati a:

- società controllate/controllanti o collegate della Società, soggetti cessionari di azienda o di ramo d'azienda, società risultanti da possibili fusioni o scissioni della Società, i quali potranno utilizzarli per le medesime finalità specificate alle lettere a) e b) di cui sopra.

Previo ottenimento del consenso espresso dell'Utente, i dati personali potranno altresì essere comunicati a:

- altre società che svolgono attività nei settori dell'intrattenimento, delle produzioni audio/video, dei social networking;

- società partner commerciali, coinvolte in specifici progetti/iniziative promossi dalla Società sul Sito, cui l'Utente ha aderito.

Le suddette società potranno, a loro volta, utilizzarli per finalità di marketing, comunicazioni pubblicitarie e vendite diretta relativamente a beni e servizi propri o di terzi, tramite e-mail, fax, telefono e qualsiasi altra tecnica di comunicazione a distanza, presente od in futuro sviluppata. Tali soggetti agiranno come autonomi titolari del trattamento.

Il consenso alla comunicazione dei dati personali è facoltativo ed un eventuale rifiuto non comprometterà la possibilità di iscriversi al Sito e partecipare alle iniziative promosse dalla Società. Anche in caso di consenso, l'utente avrà comunque il diritto di opporsi, in tutto o in parte, alla comunicazione dei propri dati personali a tali soggetti terzi, nonché al loro successivo trattamento per finalità di marketing e/o vendita diretta, facendone semplice richiesta, senza alcuna formalità, alla Società od ai soggetti terzi cui i dati saranno eventualmente comunicati.

I dati personali dell'Utente non saranno in alcun modo diffusi al pubblico, fatta eccezione per l'eventuale pubblicazione sul Sito del nome, cognome o "nick name" dell'Utente o di immagini o video volontariamente inviate dall'Utente allo scopo precipuo di pubblicarle sul Sito.


6. Diritti del richiedente.

La Società informa che l'art. 7, primo comma, del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196 ("Codice Privacy”) riconosce, al richiedente, specifici diritti che potranno essere esercitati in qualsiasi momento.

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere l’indicazione:

a) dell'origine dei dati personali;

b) delle finalità e modalità del trattamento;

c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;

d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, secondo comma, del D. Lgs. 30 giugno 2003, n. 196;

e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

Ai sensi del menzionato art. 7, secondo comma, del D.Lgs. 30 giugno 2003, n. 196, il richiedente ha il diritto di chiedere:

a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;

b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;

c) l'attestazione che le operazioni di cui alle precedenti lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

Le richieste andranno rivolte al titolare del trattamento, anche attraverso l'indirizzo di posta elettronica risorse@prealpina.it, specificando il Vostro nome per intero ed il Vostro indirizzo e-mail.